One music, one place (2)

 

Questa canzone mi “porta”  nella casa di campagna di mia nonna, la nonna che non c’è più. Qualche anno fa ho passato un momento non troppo positivo, anzi decisamente brutto, orribile.  Avevo dei problemi di salute, non riuscivo ad andare avanti con l’università e mi sentivo sola. Spesso, nei momenti di buio totale, prendevo la macchina e andavo in quella casa, in campagna, da sola. Mi sedevo per terra, in quel prato poco lontano da casa ma ben nascosto e ascoltavo la musica, ma soprattutto ascoltavo questa canzone. Li’ stavo meglio, sentivo meno il peso di tutti quei problemi. Li’ non ho mai portato nessuno, perché quel posto è mio e solo mio e ancora oggi, quando ho bisogno di isolarmi e riflettere, ci torno.

Per esempio, ora sarebbe proprio il momento di prendere la macchina, sedermi in quel prato e just breathe.

Annunci

17 pensieri su “One music, one place (2)

  1. Bella canzone! Anche io, come 321Clic, non ho un posto dove scappare e allora alzo la musica e cerco di “assordarmi” così. O mi metto le cuffie e cammino finché non mi riprendo.
    Ma servirebbe un posto così… un posto tutto tuo, un posto dove scappare e chiudere fuori il mondo.
    Un posto così nascosto e tuo, che neanche il mondo lo conosce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...