Giornate impegnative.

Questo è una fine settimana di riposo assoluto perché sono stanca e ho bisogno di relax. Ecco le interessanti cose fatte fino ad ora:

– acquisto di nuove Converse. Sì, ne avevo bisogno. Come potete notare, Oscar approva.

oscar approva

– appuntamento da parrucchiere, perché avevo in testa un nido di rondini. Ora i miei capelli sono un po’ più corti, ma senza quei dieci metri di doppie/triple punte. Oscar dice che si può fare di meglio, ma lui è pignolo.

(Ah, notare la bellezza della mia maglietta)

capelli nuovi

 

 

oscar pignolo

 

 

– passeggiata con Oscar

oscar passeggiata

 

Ho sentito. Hai detto passeggiata!

– mi sono resa conto di aver speso i miei prossimi 4 o 5 stipendi in congressi, hotel perché ovviamente i congressi son lontani da casa, treni per raggiungere le sedi dei congressi. Ne ho in programma ancora (almeno) due quest’anno e ci vado. Amen. Non è colpa mia se sono una donna di cultura. Qui Oscar non si esprime.

oscar dubita

 

– Programma per le prossime ore: stare in pigiama e guardare telefilm

– Merda, domani è lunedì.

oscar rassegnato

– Ah, dimenticavo. Preso appuntamento con il tatuatore. Nuovo tatuaggio in arrivo.

A volte ritornano.

Ecco le cose interessantissime che ho fatto in questi giorni di assenza da blog (sì, sono già tornata…stavate meglio prima? Può essere):

– dopo circa 10 ore in giro per negozi, ho acquistato l’abito per la discussione della tesi (stupendo, meraviglioso, fantastico). Devo ringraziare, per il fondamentale contributo, la mia grande amica e futura collega Manu, che ha da poco aperto un blog (cheap&chic). Lei è la regina dello shopping, il gran visir degli abbinamenti, il terrore di ogni commessa.

– Ho preparato la presentazione per la discussione (ho messo per primo il punto sull’acquisto dell’abito, sì. Questione di priorità).

– Ho partecipato ad un ballo in abiti settecenteschi alla Reggia di Venaria. Bellissima serata, pretendenti a parte. Sono stata avvicinata da un tizio vestito da soldato napoleonico, recettivo come una piastrella. Gli ho detto di rendersi utile e accompagnarmi dalle mie amiche perché c’era un sacco di gente e io le avevo perse. Gli ho detto di andare avanti, io lo avrei seguito. Lui si è girato. Io anche, ma dall’altra parte. Seminato. Sono un piccolo cattivo acido genio. Ne ho incontrato un altro che mi ha parlato per venti minuti delle ottime lasagne che aveva mangiato qualche sera prima. Morirò zitella.

smith

– Ho guardato tre film. Ecco le mie dotte recensioni. “Il Grande Gatsby“: DiCaprio sempre più gnocco, potrebbe parlare per tre ore delle lasagne mangiate qualche sera prima, non sarebbe un problema perché ha quegli occhi, quel sorriso, quel tutto. E a me non piacciono i biondi, io basto e avanzo, ma per DiCaprio si fa un’eccezione. Ah, il film per me è una fregnaccia. Fine. “12 anni schiavo“: emozionante, dall’inizio alla fine. Non retorico, almeno secondo me. L’unico aspetto che non mi è piaciuto molto è che non  si percepisce tanto il tempo che passa, è un po’ statico. Ma potrei aver detto una minchioneria. “I croods“: cartone animato che racconta la storia di una famiglia di cavernicoli. Divertente, ma niente di particolare. Mi aspettavo qualcosa di più. Quando guardo un cartone ho sempre grandi aspettative. Avevo anche preparato i pop corn.

– Ho sistemato delle cose in tavernetta e ho ritrovato dei capolavori musicali che ascoltavo quando ero giovane: Backstreet Boys, Spice Girls, Raf, Lunapop e, tenetevi forte, Ambra Angiolini. T’APPARTENGO E IO CI TENGO E SE PROMETTO POI MANTENGO, M’APPARTIENI E SE CI TIENI TU PROMETTI E POI MANTIENI, GIURA!

–  Ho comprato una maglietta bellissima e molto rappresentativa. Eccola:

io silvani

 

– Mi sono alimentata con tisane, té e plasmon perché non ero molto in forma. Ho scoperto il té limone e miele: nuova droga.

– Ho riletto “Il Piccolo Principe”, almeno una volta l’anno si deve fare.

Ecco, direi che le cose più importanti ve le ho raccontate. Vi lascio con una canzone e un pensiero per Genova e i genovesi. Superba rialzati, per l’ennesima volta.

 

 

Ci provo anche io con i Films.

Occorre fare una doverosa premessa. Io non ho visto tantissimi film in vita mia, sono un po’ ignorantella, ma conto di recuperare le mie tante lacune cinematografiche. Comunque, prendendo spunto dal post del bravo Giacani, vi propongo anche io le dieci scene di film che mi sono piaciute di più.

1) Non posso non citare la Signorina Silvani. Io adoro questa donna. Sono un po’ io (un po’ tanto), che ci volete fare. Ecco la mia scena preferita.

Ah ma che musica romantica. PUAH.

2) Frankestein Junior è il film che ho visto più volte, credo di aver superato la ventina, e continua a farmi ridere. Questa scena è epica e quel “D’accordo” di più.

3) Anche qui c’è da fare una premessa. Io questo film l’ho visto poco tempo fa, quando una saggia Divinità che ogni tanto passa da queste parti mi ha fatto notare che ero l’unica persona al mondo che non lo aveva visto. Ho obbedito subito, perché i fulmini mi fanno paura. E meno male.

Mi manca tantissimo condividere il silenzio in santa pace.

4) “Quest’uomo non venderà mai nessuno per comprarsi un futuro. E questa, amici miei, si chiama Onestà”.

Punto.

5) Amici miei l’ho visto per la prima volta con mio papa’ e questa scena mi è rimasta nel cuore perché si commosse. E non succede così facilmente.

6) Up è il mio cartone animato preferito, perché racconta una bellissima storia d’amore, perché anche io cerco le immagini nelle nuvole, perché anche io voglio una casa con i palloncini, perché anche io (nonostante i miei frequenti atteggiamenti da scaricatore di porto – con tutto il rispetto), sono una sentimentale-portatricesanadiromanticismo.

7) Don Camillo è leggenda. Avevo quasi tutte le videocassette e me le guardavo mentre facevo pranzo, dopo la scuola.

E perché? E perché?

8) Io adoro Renato Pozzetto e questa scena è il top del top.

9) Questo discorso è la perfezione. Andrebbe ascoltato molto più spesso.

10) Peter Griffin rules. SEMPRE.

 

 

 

 

 

 

Buon compleanno Blog!

Oggi è il primo compleanno del mio piccolo blog!

cane torta

E’ stato un anno di cambiamenti, alcuni positivi, molti negativi.

Anche se questo blog non è assolutamente niente di speciale (non voglio fare la falsa modesta, è così e basta), mi ha aiutato e mi sta aiutando molto, ma soprattutto mi avete aiutata molto VOI, che mi siete stati vicini e che avete sopportato le decine di post monotematici e “strappalacrime”.

Quindi, GRAZIE a VOI per il sostegno e l’affetto.

Un bacetto ad ognuno di voi 😀

silvani bacio

Ora vado a scrivere la tesi, ma tranquilla Ilaria c’è ancora un mese prima della consegna. E’ tutto sotto controllo.

971

Forse.

Il buongiorno si vede dal sellino.

 

 

A chi ci vuol bene: pace, amore e prosperità.

A chi ci vuol male: che vi si stacchi il sellino. E se non vi piace andare in bici, che siate colti da un’improvvisa passione per questo mezzo e poi vi si stacchi il sellino. PUAH.

Buongiorno 🙂