Rabbia e stop.

Sono molto arrabbiata nei confronti dell’intero misero genere umano.

Ieri pomeriggio mi è stata portata in clinica una gatta morente, lasciata agonizzante sul bordo della strada dopo esser stata investita, chissà quante ore (giorni?) fa. Nessuno, né quel bastardo ce l’ha investita né le centinaia di persone che sono passate di lì (quasi in centro città) ha controllato se fosse viva o morta. E si vedeva benissimo, non era nascosta.

La gatta è arrivata da me con 26 gradi di temperatura corporea, priva di coscienza, pressione illeggibile, grave ernia addominale, frattura dello sterno e tutta la parte posteriore divorata dalle larve di mosca. Dopo le prime cure (riscaldamento, flebo, etc etc), ha aperto gli occhi e alzato la testa.

Non so se ce la farà perché la situazione è gravissima. L’ho chiamata Lazzarina, perché è letteralmente resuscitata.

Vi racconto tutto ciò per dirvi che quando si vede un animale in mezzo alla strada o sul bordo della strada e sembra morto bisogna fermarsi e controllare, ma quasi nessuno lo fa perché il genere umano è una merda con il pollice opponibile.

Fine.