Coi nostri sogni in gola.

Cantare a squarciagola in macchina canzoni improponibili ma che a noi fanno un sacco divertire e quindi lo facciamo. E lo rifaremo.

Mangiare al messicano sostenendo di non patire assolutamente il piccante e ritrovarsi con la faccia rosso fuoco, la fronte sudata e la sangria finita (troppo presto).

Fermarsi alle tre di notte in mezzo ad una strada buia per spostare un riccio che passeggiava in mezzo alla carreggiata rischiando di essere travolti da una macchina.

Mangiare pranzo rigorosamente nel letto.

Fare tanti (ma mai troppi) progetti a breve e a lungo termine.

Essere “complici e simili da credere alla favole”.

Alla fine ci siamo visti appena 24 ore dopo 10 giorni di lontananza, ma noi il tempo lo sappiamo far fruttare.