Io mi dico è stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati

Questa è la piccola storia di un grande amore, un amore felicissimo e che fin che è durato è stato meraviglioso. Quando poi si è incrinato ed è diventato, come diceva Flaubert “soprattutto una comunione di cattivi umori di giorno e di cattivi odori la notte”, si è altrettanto felicemente concluso. Quindi un amore felice in tutti i sensi.

Faber

 

E tu aspetta un amore più fidato
il tuo accendino sai io l’ho già regalato
e lo stesso quei due peli d’elefante
mi fermavano il sangue
li ho dati a un passante.
Io mi dico è stato meglio lasciarci
che non esserci mai incontrati.

L’amore non è sempre più forte delle difficoltà, del dolore, delle diversità. Ci sono situazioni in cui l’amore non basta e bisogna rendersene conto. In questa canzone la relazione finisce perché tra i due innamorati ci sono troppe differenze, soprattutto di estrazione sociale. Ma ci sono mille motivi che possono mettere in crisi un amore, anche se ritenuto forte, anche se duraturo, anche se hai sempre pensato il contrario. Bisogna sbatterci contro ben forte per capirlo.

Poi magari la ferita si rimargina, passa il tempo, ci si rincontra e ci si riscopre felici, insieme. Magari no e allora prima, apparentemente (e anche un po’ fisicamente), si “muore” soffocati dai ricordi, poi si tenta una civile convivenza (sempre con i ricordi). Infine, quando la rabbia è svanita e l’amarezza pure, si raggiunge la consapevolezza che “è stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati”.