Di fusa, racconti e biscotti.

Ci sono giornate che partono male, molto male. Il mio lavoro a volte è veramente spietato e ti fa sentire impotente. Ogni giorno mi spiattella in faccia un bel po’ di sofferenza. Ma si deve guardare avanti perché il paziente successivo merita tutta la mia attenzione e concentrazione. Questo non vuol dire dimenticare. Io porto nel cuore tutti i miei pazienti, soprattutto quelli che non ce l’hanno fatta, come il piccolo micino Ranocchio di questa mattina. Era una forza e ha lottato fino all’ultimo.

Quella di oggi è stata una giornata impegnativa, ma vado a dormire serena perché ieri ho coccolato tanto Ranocchio, lui faceva le fusa, sembrava felice e forse per un attimo non si è sentito solo.

Bene, è ora di andare perché ho dei racconti da leggere, una tisana bollente da bere e dei biscotti da sgranocchiare. E qualcuno da ringraziare.

 

 

 

Un CULOTTO è per sempre.

Non ne ho mai parlato perché sono una persona molto modesta, ma io sono una grandissima cuoca e questa sera vorrei proporvi una ricetta facile, ma molto d’effetto.

Si tratta di biscottini di pasta frolla (per la ricetta della pasta frolla cercate su google. In alternativa compratela già fatta).

Che novità! Direte voi.

Un attimo.

Questi biscottini di pasta frolla sono originali.

Perché? Direte voi.

Perché hanno una forma singolare.

Ecco, vi presento i CULOTTI.

culotti1

Sono dei graziosi biscottini a forma di sedere. Ottimi per ogni occasione.

Ecco i CULOTTI dopo la cottura.

culotti2

 

 

Ottimi se accompagnati da marmellata o nutella.

Io li avevo fatti per San Valentino.

Li ho riproposti questa mattina a colazione e Lui li ha apprezzati. Giuro.

Chi non vorrebbe svegliarsi e sentire il dolce profumo di un CULOTTO? Chi? chi?

 

Un CULOTTO è per sempre.