Non starai mica piangendo? No, mi è entrata una bruschetta nell’occhio.

Ieri sera ho scritto i ringraziamenti da inserire nella mia tesi. E’ stato strano. E’ stato emozionante perché ho ripercorso questi anni, ho pensato a tutte le persone che ho incontrato, a tutti coloro che mi hanno insegnato qualcosa, a tutti coloro che mi hanno fatto girare le balle. Li avevo immaginati diversi, i miei ringraziamenti. Fino a qualche tempo fa, sarebbero stati diversi. Li ho scritti, cancellati, ri-scritti, ri-cancellati almeno dieci volte. Alla fine non sono niente di spettacolare. Ho inserito anche chi, forse, non se lo merita così tanto. Ma tanto io sono così e non ci posso fare niente, ci sbatterò la testa ancora, ancora e ancora. Ci sbatterò la testa fino a quando capirò di essermi fatta male a sufficienza.

Comunque, questi sono i miei ringraziamenti. Se sono brutti ditemelo, perché ho ancora un giorno di tempo per modificarli prima della stampa eheh 🙂

Non è facile ringraziare, in poche righe, tutti coloro che mi hanno aiutata nel raggiungimento di questo traguardo: chi con una presenza costante e essenziale, chi con un supporto morale o materiale, chi con un semplice consiglio o una parola di incoraggiamento nei momenti più difficili.

Vorrei ringraziare il Prof.Buracco, la Dott.ssa Martano e la Dott.ssa Morello per avermi dato l’opportunità di essere una loro tesista e per i preziosi insegnamenti ricevuti in questi anni.

Un ringraziamento particolare va alla mia Relatrice, la Dott.ssa Marina Martano, per avermi supportata durante tutto il periodo di stesura della tesi. La ringrazio perché, nonostante i suoi tanti impegni, ha sempre trovato il tempo per aiutarmi e consigliarmi e ha dimostrato disponibilità e pazienza infinite. E’ davvero raro incontrare persone con la sua gentilezza, competenza e umiltà.

Ringrazio la Dott.ssa Laura Tomassone per il suo fondamentale aiuto nella realizzazione dell’analisi statistica contenuta in questa tesi.

Un grazie va alla Dott.ssa Francesca Gattino per avermi aiutata nella raccolta dei dati e per essersi dimostrata, in ogni occasione, una persona disponibile e gentile.

Un grazie speciale va ai miei genitori che mi hanno costantemente sostenuta e  che, con il loro fondamentale sostegno morale e economico, hanno reso realtà quello che è sempre stato il mio più grande sogno.  Ringrazio anche i mie pelosi: Mia, che se ne è andata all’inizio del mio percorso universitario ma che mi è rimasta nel cuore, e Oscar, che si è “volontariamente” offerto per farmi da cavia per la preparazione di molti esami (ed è sempre stato ricompensato).

Vorrei ringraziare le mie grandi amiche Emanuela, Nicoletta e Simona per esserci sempre state e per avermi dato la forza di superare i momenti più difficili. Le ringrazio per avermi ospitata a casa loro, per aver sopportato i miei sbalzi d’umore e per le loro innumerevoli “iniezioni di fiducia”. Con loro ho vissuto momenti indimenticabili e sono sicura che, nonostante la distanza, la nostra amicizia continuerà. Infine, ringrazio Andrea per quello che ha rappresentato per me in questi anni, nonostante tutto.

Grazie a tutti.

 

“Da bambino volevo guarire i ciliegi

quando rossi di frutti li credevo feriti

la salute per me li aveva lasciati

coi fiori di neve che avevan perduti.

Un sogno, fu un sogno ma non durò poco

per questo giurai che avrei fatto il dottore

e non per un dio e nemmeno per gioco:

perché i ciliegi tornassero in fiore”

Fabrizio De André

P.s. Se tutto va bene (incrociamo le dita, tocchiamo ferro, tocchiamo un po’ qualsiasi cosa) dall’inizio della prossima settimana la mia più grande preoccupazione sarà il vestito per la laurea. E non è una preoccupazione da poco, perché io per quel giorno ho due obiettivi: il primo è prendere il voto più alto di tutti (sono un po’ competitiva, me ne rendo conto), il secondo è essere la più gnocca. Dato che ormai non posso più lavorare sul voto perché la media è definitiva (e comunque non è mica bassa eh..ok, oggi non sono modesta), devo almeno essere sicura di raggiungere il secondo obiettivo. Quindi dalla prossima settimana, posterò soltanto foto di vestiti e scarpe, siete avvisati.