Di vescovi, corsette e vibratori.

Questa mattina sono andata a correre, perché c’era un bel sole, perché ho bevuto un po’ troppi aperitivi negli ultimi giorni e i leggins push up fanno quello che possono, poveri loro. Mi son messa maglietta e pantaloncini e mi sono fatta una corsetta di trenta minuti, che mi ha anche permesso di ascoltare un po’ di buona musica in tranquillità.

Quando sono tornata a casa, mia mamma mi ha fatto gentilmente notare che avevo i pantaloncini al rovescio. Allora ho capito che quel ragazzo che ho incontrato non mi ha sorriso con intento mallupino, ma mi stava prendendo per i fondelli. Mai una gioia.

Mi sono quindi venute in mente altre bellissime figure di letame che ho fatto nella mia vita, per esempio quando durante l’ora di ginnastica alle medie mi si sono strappati i pantaloni della tuta durante il salto della cavallina e sono rimasta in mutande.

Oppure quando alla comunione della mia cresima, ho detto al vescovo (o almeno credo fosse il vescovo, aveva un cappello comunque) “prego” invece di “amen”, al microfono.

Ma la migliore è senza dubbio questa. Primo appuntamento con Lui. Stavamo chiacchierando al bar quando suona un telefono, con la suoneria identica alla mia. Lui mi chiede se è mio il telefono che sta suonando. Io, con grande naturalezza, rispondo: No, ultimamente uso il vibratore. “Si dice vibrazione, Ilaria” .

Annunci

39 pensieri su “Di vescovi, corsette e vibratori.

  1. AHahahahhahaahhahahahahahahahahahahahahah
    Scusa, riprendo fiato.
    Che bomba. Pantaloni storti, prego e… BOOOOM… no, uso il vibratore. Immagino sarà morto sul colpo.

      1. AHahahahahahahahhaha. Muoio io adesso.
        Comunque ottime figure di merda. Hanno stile.
        Io mi ricordo solo questa: quando ero piccolo c’era il vanto di essere chierichetti alla messa… una volta ci ho tentato anche io… dopo messa la tunica (?) ho guardato il prete, mi sono tolto la cosa e gli ho detto: “io non metto vestiti da donna”

        ahahahahahahahhahaahh

      2. Sì, non è andata avanti. Sono stato messo in panchina e poi ho avuto degli screzi con il Grande Capo.
        Sai… uno scontro fra Titani 😀

      3. Certo. Il prete non ha apprezzato alla stessa maniera.
        Ho capito da subito che avrei avuto dei problemi con la Chiesa… maledizione… 😀

      4. Immagino la faccia del prete eheheh.
        Quando avevo sette o otto anni, il prete mi sgridò dopo messa perché diceva che non stavo ferma e disturbavo e mi chiese come mai. Io risposi che avevo visto il diavolo ahahahahaha. Ci rimase malissimo.

  2. Parliamo del vibratore. Forse il subconscio lo pensava, Ilaria 😀
    Il Vescovo o presunto tale ti ha detto almeno grazie? NO? Che maleducato!
    Salti la cavallina per restare in mutande? Che idea geniale.
    Ma ‘sta Ilaria che pensieri si fa, quando vede un ragazzo che le sorride? Pensa sicuramente ‘questo deficiente ride per cuccarmi ma io sono al di sopra di tutto. Ci vuole ben più di un sorriso per farmi scendere a terra’
    Divertito e gustato le tue disavventure, si fa per dire!
    Sereno pomeriggio.

  3. Ma il vescovo ti ha almeno detto “Non c’è di che”? 🙂

    P.S. Ricordati di raccontare come è andata a finire con quel ragazzo. Se c’è stato un “dopo”, complimenti. Lo hai scelto con un bel senso dell’umorismo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...