Febbre di Carnevale

Io a Carnevale ero sempre malata. Quando ero piccolina arrivava il Carnevale e io puntualmente prendevo il raffreddore, la sinusite, lo squaraus (spesso tutte e tre le cose insieme). Vi ho regalato una bella immagine di me, lo so. Accetterò i vostri ringraziamenti sotto forma di bonifico bancario (soprattutto da parte di Zeusche mi ha convinto a scrivere questo post sul Carnevale :D).

Nonostante tutto, io a Carnevale mi travestivo. SEMPRE. E festeggiavo. SEMPRE. Dove? A casa. Mi vestivo e truccavo e poi tra una tachipirina e l’altra scorrazzavo da sola per il corridoio (e a volte in bagno) e tiravo coriandoli a destra e a manca. A volte trascorrevo questa gioiosa giornata insieme al mio amico Diego, a cui avevo (strategicamente) attaccato raffreddore/sinusite/squaraus qualche giorno prima, così avevo compagnia.

I miei costumi erano abbastanza classici: principessa, fatina etc.

Invece un anno decisi di vestirmi da Power Ranger. Io volevo il costume di quella rosa. E c’è un motivo ben preciso. Diego si sarebbe vestito con il costume del Power Ranger bianco (il capo supremo, il gran visir dei Power Rangers). A me Diego piaceva un sacco, allora decisi di vestirmi come la Power Ranger rosa, che nel telefilm ha una tresca con il Power Ranger bianco. Mi sembrava una giusta strategia per conquistare Diego. Mio papa’ giro’ tutti i negozi della mia provincia, ma niente da fare, il costume rosa non si trovata. Mi comprò il costume della Power Ranger gialla. La racchia del gruppo. Fui presa dallo sconforto. Ma comunque presi l’influenza anche quell’anno. E Diego no, lui festeggio’ in piazza con una Power Ranger rosa qualsiasi e io restai a casa con la febbre.

Ecco, questa è la tragica cronaca dei miei Carnevali, tra febbre, coriandoli, imodium e prime delusioni amorose.

Fine.

power

Annunci

25 pensieri su “Febbre di Carnevale

  1. Pensa che un anno a mia figlia ho fatto il costume del Gabibbo!!!!
    Che ridere…. credo comunque che il carnevale sia più per i bambini, si vive con uno spirito diverso 🙂

  2. Io regalo sogni, non solide certezze (cit. inventata da me stesso e ripresa da una nota pubblicità). I Power Rangers erano troppo anche per me… e te lo dice uno che ha vissuto i carnevali drammatici degli anni 80… in cui essere qualche supereroe di secondo piano era l’equivalente di essere messo nel ghetto a giocare con le formiche. Dannazione. Nato troppo presto ahahah

    1. E’ un modo gentile per dirmi che non arriverà il bonifico? 😀
      A me i Power rangers piacevano una cifra, registravo le puntate e me le rivedevo cento volte. Non so se ho rivisto di più i Power Rangers o Non è la rai. Oddio, forse questa è una confessione troppo grave.

      1. Ahahahahahaha. Già, ma sono riuscito a dirlo con un’eleganza d’altri tempi 😀

        Non mi piacevano i Power Rangers… boh… mai ispirato troppo.

  3. No mi dispiace ma Non è la Rai potrebbe scioccarmi troppo quindi rimuoveró il tutto e non sarà mai successo: tu non lo hai mai visto quel programma!
    Comunque sono qui anche in difesa delle povere power rangers gialle che erano agili e forse un po troppo cinesi per identificarcisi ma avevano dei capelli lunghi lunghi…bellissimi ♥ baci

  4. Io ho mandato tutti a cagare alle elementari. Ad inizio anni ’80 non era così scontato trovare i costumi già fatti e mia mamma si rivolse ad una sarta chiedendole un costume da moschettiere. Ora, il destino volle che la sarta decidesse di farmi il costume rosso, cioè da guardia del Cardinale, anziché blu, da moschettiere. A me giravano le palle, perché le guardie del cardinale non le sopportavo. Ad ogni modo andai a scuola e non avevo il coraggio di spacciarmi per moschettiere. Mi chiedevano da cosa fossi vestito, rispondevo “Sono una guardia del cardinale”, ma quello che capivano gli altri era “Guardia del Carnevale”. Mi concessi solo un duello con un bimbo vestito da Zorro, poi mandai tutti a cagare 🙂

      1. Mi hai talmente ispirato che ho voluto raccontarlo in un post. Perché quell’episodio è nulla in confronto a quello che ho vissuto da grande. Dici che sono traumi che uno si porta avanti da anche da adulto? Secondo me sì. Come se da piccolo invece che a comprare il pane ti mandassero a pagare il canone RAI. Uno non si riprende… 🙂

  5. Ho sempre odiato le feste di Carnevale! Io non ero malata, ma avrei preferito, visto che mia mamma mi trascinava sempre alle feste in Posta, che le Poste organizzavano per i figli dei dipendenti e i figli dei parenti dei dipendenti. Hai presente la scena del Capodanno aziendale di Fantozzi? Ecco.

  6. Non hai mai avuto il fisico di Carnevale 😀 Ma adesso continui la serie o sei cresciuta e diventata più robusta?
    A proposito il squaraus cos’è? Sai sono curioso.
    Domani lo festeggi in piazza con un Power Ranger bianco oppure si dimeni nel letto col costume (in)giallito?

  7. Ahah Ila mi sento tirata in causa perché anche io in questi giorni di carnevale sono bella malata 😦 comunque concordo con Simo,anche a me la power ranger gialla piaceva 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...