Li mortacci vostra

PREMESSA: io non sono una persona tanto paziente, ma c’è un limite a tutto.

Arrivo alla stazione. Aspetto  il treno. Aspetto il treno. Aspetto il treno.

Dopo 30 minuti, aspetto ancora il treno. Annuncio ritardo di 30 minuti. Ma va?

Aspetto ancora il treno. Annuncio ritardo di 40 minuti.

Arriva il treno con un ritardo di 45 minuti. Bestemmio e salgo, consapevole di aver perso la coincidenza.

Treno parte. Dopo 30 minuti si ferma in aperta campagna. Per 15 minuti.

Arriva, grazie al cielo, la mia fermata. Scendo, consapevole di aver perso una decina di coincidenze.

Guardo il tabellone: il mio treno è soppresso. Qualcuno mi dice che c’è un autobus sostitutivo.

Ci credo poco, ma vado in biglietteria ad informarmi. Il tizio mi dice che non ne sa niente dell’autobus. L’autobus non esiste. Il mio prossimo treno è tra un’ora e mezza. Bestemmiando in turco vado al bar.

Bevo un cappuccino perché diluvia e fa un freddo porco. E io ho le infradito.

Mentre sorseggio il cappuccino (che sa di bruciato), guardo  fuori e vedo un autobus che parte. Chiedo ad un tizio li’ vicino: ma quell’autobus appena partito dove va?

Andava dove dovevo andare io. Ed è partito. Andato. Perso.

A questo punto potevo rassegnarmi e aspettare al calduccio al bar il treno successivo. Oppure incazzarmi. Ho optato per la seconda possibilità.

E fu così che Ilaria ripropose la corsa di Carletto Mazzone sotto la curva bergamasca dopo il 3 a 3.  Brandendo il pugno e urlando cose che farebbero rabbrividire Papa Francesco, mi dirigo verso la biglietteria e mi sfogo. Quanta soddisfazione.

Comunque, 4 ore e mezza per fare 80 km.

 

 

mazzone

Ilaria verso la biglietteria

Annunci

39 pensieri su “Li mortacci vostra

  1. E questa, signore e signori, è l’Italia! In situazioni del genere penso ai turisti che vengono nel nostro paese per non rimetterci più piede, dopo esperienze simili. Per non parlare di noi stessi costretti a vivere troppo spesso disguidi del genere.

  2. Ognuno di noi che ha avuto a che fare coi trasporti ha storie simili da raccontare.

    L’ultima mia recente è stata quando ho chiesto del famoso autobus sostitutivo, mi è stato detto “forse arriva…se l’autista ha voglia”.

      1. Strano che nessuno ti ha detto questa cosa… tutti a supportarti e nessuno a sottolineare l’ovvio: tu che assomigli a Mazzone 😛 ahah 😉
        [non odiarmi]

      2. Ma figurati se ti odio 😀 Io sono sempre carina e coccolosa, lo sai.

        Driiiiin Driiiiiin.
        Zeus: Qui è la Zeusstamina Organization, chi parla?
        Io: PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR
        Click.

        ahahah 😀

  3. Come ti capisco! Io (purtroppo) sono una pendolare e prendo treni tutti i giorni per andare al lavoro. Ti garantisco che ogni giorno ce n’è una (anzi due…una all’andata ed una al ritorno!). Ogni tanto vorrei catapultarmi direttamente in Giappone: con i loro treni pulitissimi e puntualissimi il mio livello di stress quotidiano cadrebbe drasticamente. Povera Italia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...